Castiglioni on fire!

Photo credit: Elena Mantovani

Ci sono giorni in cui anche i nostri spot più avari possono sorprenderci con condizioni epiche. Come sempre il segreto è quello di trovarsi nel posto giusto al momento giusto per poter raccogliere i frutto che il nostro mare regala solo poche volte l’anno…

2016-supnews-castiglioni-on-fire-02
Photo credit: Elena Mantovani

In effetti anche a me a volte è capitato di mettere a segno uscite in condizioni che quelli che viaggiano hanno definito “oggi qui era meglio che a Hookipa!”. Peccato che a Hookipa (Maui, Hawaii) condizioni simili le faccia non dico tutti i giorni, ma quasi, e che magari in quelle condizioni si esca in shorty con la lycra, mentre in Italia dobbiamo aspettare qualche gelida perturbazione invernale, e per trovare quelle condizioni da “Mareggiata Perfetta” dobbiamo aspettare un anno intero o forse due. O forse anche più, perché non è detto che il giorno che quella mareggiata si presenta tu sia lì pronto a timbrare il cartellino. Quindi magari ti tocca aspettare quella dopo oppure quella dopo ancora.

2016-supnews-castiglioni-on-fire-05

E infatti (come volevasi dimostrare) per una serie di fortunate coincidenze a questo giro a Castiglioni (come la chiamano i local) avrei dovuto esserci anch’io e proprio nei giorni in cui è arrivata la mareggiata, ma per una altrettanto “fortunata” serie di coincidenze, un improvviso impegno di lavoro mi ha tenuto bloccato a casa, lontano dal mare, una settimana intera!

2016-supnews-castiglioni-on-fire-08

E così, come purtroppo spesso accade, ancora una volta mi è toccato sentire la frase che non vorremmo mai sentirci dire: “Avresti dovuto esserci ieri! Ti dico solo che ho rotto due leash!”
E quando scorri le foto caricate sul profilo del tuo amico che ovviamente non ha fatto in tempo ad avvisarti, perché nemmeno lui si sarebbe mai aspettato che sarebbe arrivato tutto quel ben diddio, a momenti ti si disarticola la mascella. Mamma che BOMBEEEEEEE!!!

2016-supnews-castiglioni-on-fire-11

E così a questo giro avrei potuto esserci anch’io a rompere un paio di leash o magari a perdere una pagaia in mezzo alla schiuma e alla corrente oppure a stampare l’impronta dei miei denti sul bordo della mia tavola, e invece mi toccherà stare ad aspettare la prossima, e accontentarmi di raccontare le imprese di quanti quel giorno c’erano, e coi loro SUP hanno messo a segno un’uscita di quelle che si ricorderanno ancora per parecchio tempo: e bravi Gigi Romano e Jacopo Giusti!

2016-supnews-castiglioni-on-fire-12

Looking forward for the next big swell!

Condividi...Share on FacebookTweet about this on TwitterEmail this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *