EuroSUP Sardinia 2018 – Final Report

Si è concluso a Torregrande l’EuroSUP Sardinia, il Campionato Europeo Assoluto di Stand Up Paddle Racing e SUP Wave. Incontrastato il dominio della Francia che, dopo il titolo di vicecampione del Mondo conquistato in occasione degli ISA World SUP and Paddleboard Championship, porta a casa quello di Campione d’Europa.

Il francese Martin Vitry ha dominato il Race Maschile

Buona parte del merito va alle grandi prestazioni di Martin Vitry e Olivia Piana. Vitry è riuscito ad imporsi sia nella Technical Race che nella Long Distance mentre Olivia Piana, dopo l’oro nella Technical, si è dovuta arrendere alla spagnola Laura Quetglas sui 14 km di Long Distance.

La superstar Olivia Piana oro nella Technical e argento nelle Long

Subito dietro i transalpini si è piazzata la Danimarca capitanata dal campione Casper Steinfath. Per lui è arrivato il bronzo nella technical e l’argento nella Long Distance. Da sottolineare la presenza di molti giovanissimi atleti tra le fila danesi. Un Team composto da grandi certezze e future promesse di questa disciplina.

La spagnola Laura Quetglas a sorpresa oro nella Long

Terza classificata la Spagna, altra big dello Stand Up Paddle internazionale, guidata proprio da Laura Quetglas (oro nella Long Distance e argento nella Technical Race).

Il nostro alfiere Leonard Nika in azione nella Long

E l’Italia? A questo EuroSUP Sardinia porta casa una Copper Medal dal sapore amaro. Il podio era assolutamente alla portata del Team, composto da alcuni dei più forti rider a livello internazionale. Abbiamo pagato soprattutto un po' di sfortuna e la cancellazione della gara di SUP Wave, a causa delle mancate condizioni meteo, non ci ha permesso di risalire la china e puntare ad uno dei gradini del podio.

Ingaggio in boa fra Leonard, Martin e Casper...

Questo quarto posto, davanti al Portogallo, rimane comunque un ottimo punto di partenza e può far ben sperare in vista degli ISA World SUP and Paddleboard Championship 2018 in programma in Cina dal 23 novembre al 2 dicembre. L’Italia dovrà ripartire da questo risultato e dall’ottavo posto guadagnato in Danimarca lo scorso anno. La top five è alla portata di questo Team e gli atleti hanno a disposizione più di 2 mesi per allenarsi e studiare la migliore strategia per raggiungere questo risultato.

Una vista mozzafiato dei luoghi in cui si è gareggiato...
Condividi...Share on FacebookTweet about this on TwitterEmail this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *